storia-della-russia-in-5-minuti

Questa breve guida è volta a riepilogare in maniera cronologica i principali fatti riguardanti la Russia, dalla sua origine fino all’era di Putin, passando per il periodo zarista e quello dell’URSS. La Russia ha una storia ricca di fatti e di personaggi che hanno caratterizzato la storia dell’Est Europa e dell’intero mondo.

Indice – storia della Russia: Zar, URSS e Putin

 

Introduzione: pillole di Russia

La Russia è il paese più grande del mondo per estensione. Il suo territorio attuale equivale a 1/8 del suolo terrestre, cifra peraltro molto inferiore rispetto alle ben più grandi URSS e alla Russia degli zar. All’interno del paese è possibile scoprire una moltitudine di etnie che compongono questo immenso territorio ognuna con le sue peculiarità e tradizioni. E’ chiaro che i russi in senso stretto, così come la lingua russa, rappresentano la maggioranza.Mosca Russia Cremlino Piazza Rossa

L’attuale Federazione Russa è un paese immenso tutto da scoprire, molto diverso al suo interno, ma omologato da una storia comune. Ogni città è permeata da monumenti, statue o edifici che fanno riferimento alle varie epoche storiche.

E’ quindi possibile vedere pressoché ovunque palazzi dell’epoca zarista e statue dei suoi principali attori: da Ivan il Terribile a Pietro il Grande, dall’imperatrice Caterina allo zar Nicola II. Così come gli edifici sovietici, le insegne comuniste, i carri armati e altri mezzi militari dell’URSS sparsi qua e là in ogni piazza. La Russia risente tuttavia della sua storia recente, con il suo ritorno sulla scena internazionale che ha caratterizzato la carriera di Vladimir Putin, con i grattacieli moderni, i ponti, gli stadi e la modernità.

Il giorno nazionale della Federazione Russa è il 12 giugno, anniversario della sua indipendenza datata 12 giugno 1990.

La Rus’ di Kiev

  • 862: Il capo variago Rjurik conquista Velikij Novgorod
  • 882: Oleg, reggente per conto del figlio di Rjurik, prende possesso di Kiev dichiarando la città madre di tutte le città della Rus’.

La nascita dello zarismo

  • 1547-1584. Il Principe Ivan IV, detto Ivan il Terribile, viene proclamato zar a seguito delle conquiste a danno dei tartari e dei khanati di Kazan e Astrakhan. Mosca assurge al ruolo di Terza Roma.Ivan il terribile Russia

La dinastia Romanov

  • 1613-1645. Michele Romanov diviene Zar a seguito del periodo dei torbidi, una lunga epoca caratterizzata da instabilità interna, lotte di potere e ingerenze straniere. E’ l’inizio della dinastia Romanov che rimarrà sul trono fino al 1917.
  • 1682-1725. Pietro Alekseevič Romanov, chiamato anche Pietro I di Russia o, più comunemente Pietro il Grande per via della sua corporatura, diviene prima zar e poi imperatore di Russia. Pietro il grande fu un sovrano illuminato, forte e capace di introdurre numerose riforme nel paese che modernizzarono lo stato e l’apparato militare. Riuscì a strappare alla Svezia i territori di Lettonia ed Estonia e fondò la grande città di San Pietroburgo (in onore di San Pietro apostolo).Pietro il grande Romanov Russia
  • 1772-1814. Sotto Caterina la grande prima, Paolo I e Alessandro I poi, la Russia si espande. Conquista la Crimea, l’Ucraina, la Georgia, la Bielorussia, la Moldavia e parte della Polonia.
  • 1812. L’impero russo guidato da Alessandro I sconfigge la Francia dell’imperatore Napoleone nella campagna di Russia. E’ l’inizio del tracollo del despota francese che vedrà il proprio epilogo nella battaglia di Waterloo. Le guerre napoleoniche a cui prese parte la Russia, tra battaglie intervallate da pacificazioni dei due sovrani, sono narrate dall’opera principe dello scrittore Lev Tolstoj “Guerra e Pace”.
  • 1881. Lo zar Alessandro II Romanov viene assassinato in un attentato dinamitardo. Ignatij Grinevickij, colui che scagliò la bomba contro lo zar, morì anch’esso durante l’attentato.
  • 1904-1905. La guerra russo-giapponese per il controllo della Manciuria e della Corea culmina con la vittoria del Giappone e causa malcontento all’intero del paese. La prima rivoluzione russa (1905) costringe lo zar Nicola II a concedere la costituzione e a introdurre la Duma, il parlamento russo.
  • 1914. L’assassinio a Sarajevo del granduca Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria-Ungheria, getta l’Europa nel caos e trascina la Russia in guerra contro Germania e Austria a fianco di Francia e Gran Bretagna. E’ l’inizio della Prima Guerra Mondiale.

La rivoluzione e la nascita dell’URSS

  • 1917. nel bel mezzo della Prima Guerra Mondiale scoppia la Rivoluzione russa che porta alla caduta della dinastia Romanov e all’uscita del paese dalla guerra. Lo zar Nicola II è costretto ad abdicare, al suo posto prende vita il debole governo provvisorio guidato da Aleksandr Kerenskij. Con lo scoppio della Rivoluzione d’ottobre il governo provvisorio viene spazzato via dai bolscevichi, nasce la Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa e Lenin ne diviene il leader.
  • 1918. Lo zar Nicola II viene assassinato barbaramente dalle forze sovietiche assieme alla moglie Aleksandra, le quattro figlie Olga, Tatiana, Maria e Anastasia, il figlio Alessio e diversi membri del suo staff (il medico, l’inserviente, il cuoco e la dama di compagnia). Nemmeno i cani delle figlie furono risparmiati dal massacro.
  • 1922. Nasce l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS), più comunemente nota come Unione Sovietica.Urss Lenin
  • 1924. Lenin muore a seguito delle complicazioni dovute a un precedente ictus, il suo corpo viene imbalsamato ed è tuttora presente nel mausoleo della Piazza Rossa. Nel corso dello stesso anno l’URSS viene ufficialmente riconosciuta da Gran Bretagna, Italia e Francia.

Il periodo di Stalin e l’Unione Sovietica

  • 1927. Iosif Vissarionovič Džugašvili, più comunemente noto come Stalin, sale al potere.
  • 1928-1929. Stalin dà avvio al primo piano quinquennale. Comincia così la collettivizzazione dell’economia e l’industrializzazione dell’URSS.
  • 1933-1934. L’URSS entra a far parte della Società delle Nazioni.
  • 1939-1940. La guerra russo-finlandese, nota anche come Guerra d’Inverno, si conclude con l’annessione degli stati baltici da parte dell’URSS.Stalin Urss
  • 1941-1943. Hitler, con il piano Operazione Barbarossa, attacca l’URSS nel corso della Seconda Guerra Mondiale. La campagna tedesca si conclude con la sanguinosa battaglia di Stalingrado vinta dalle forze sovietiche. Comincia l’avanzata sovietica verso Berlino.
  • 1945. Le truppe sovietiche entrano a Berlino, Hitler si suicida nel bunker della cancelleria. è la fine della seconda guerra mondiale nel continente europeo.

La Guerra Fredda: URSS vs USA

  • 1949. L’URSS comincia i test per la bomba atomica.
  • 1953. Nikita Krusciov succede a Stalin nel ruolo di leader dell’URSS.
  • 1955. Nasce il Patto di Varsavia ovvero l’alleanza militare tra gli stati comunisti del blocco sovietico in contrapposizione alla NATO (1949).Urss Kennedy Unione Sovietica
  • 1957. L’URSS lancia Sputnik 1, il primo satellite artificiale inviato in orbita intorno alla Terra.
  • 1961. Yuri Gagarin è il primo uomo a volare nello spazio a bordo durante la missione Vostok 1. Viene costruito il muro di Berlino da parte della Germania Est.
  • 1962. Crisi dei missili di Cuba. Gli Usa a seguito del dispiegamento di missili balistici sovietici nell’isola caraibica. La presenza dell’arsenale fu la risposta dell’URSS ai missili americani schierati in Italia e in Turchia.
  • 1964. Krusciov  è costretto al ritiro forzato da leader del partito. Al suo posto viene nominato Leonid Breznev come primo segretario.
  • 1980. L’URSS ospita le olimpiadi a Mosca. L’evento sportivo fu caratterizzato da diverse polemiche a seguito del boicottaggio da parte di diversi paesi come risposta per l’invasione sovietica dell’Afghanistan.

Gorbaciov, Chernobyl e il crollo dell’URSS

  • 1985. Gorbaciov diventa segretario generale del PCUS e leader dell’URSS. Viene lanciata la “perestrojka” (perestroika) ovvero una serie di riforme volte a riorganizzare l’economia sovietica.
  • 1986. Disastro di Chernobyl. Nell’Ucraina settentrionale avviene il più grave incidente nucleare mai accaduto in una centrale nucleare. L’URSS subisce un duro colpo.
  • 1988. Inizia la ritirata sovietica dall’Afghanistan.
  • 1989. Vengono indette le elezioni del Congresso dei deputati del popolo dell’Unione Sovietica. A Novembre cade il Muro di Berlino. L’URSS incassa un brutto colpo.Gorbaciov URSS
  • 1990. La Lituania dichiara la propria indipendenza dall’URSS (la seguiranno Georgia, Estonia e Lettonia). A sua volta la Russia dichiara anch’essa la “Dichiarazione di Sovranità Statale della Russia“. Viene eletto Boris Yeltsin  presidente della Federazione Russa.

Il periodo di Boris Yeltsin

  • 1991. Putsch di agosto, alcuni membri del governo sovietico tentano un colpo di stato per deporre Gorbaciov, in seguito, quest’ultimo rassegna le sue dimissioni da leader del PCUS. A dicembre viene firmato il Trattato per abolire l’Unione Sovietica. L’URSS cessa ufficialmente di esistere.
  • 1992. Vengono liberalizzati i prezzi. Si passa quindi da un’economia di stato a un economia di mercato. Questa liberalizzazione provoca una forte inflazione del rublo e dà avvio a una profonda crisi economica.
  • 1993. La nuova Costituzione della Federazione Russa viene adottata a seguito di un referendum.
  • 1994. Comincia la prima guerra cecena a seguito della decisione della Cecenia di rendersi indipendente dalla Russia.
  • 1996. Si conclude la prima guerra cecena a vantaggio della Cecenia. Boris Yeltsin viene rieletto per un secondo mandato presidenziale.
  • 1997. Boris Yeltsin e Bill Clinton si incontrano in Finlandia. Viene firmato l’”Atto Fondatore sulle mutue relazioni, la cooperazione e la sicurezza fra la NATO e la Federazione Russa”.Boris Yeltsin Russia
  • 1998. Scoppia la crisi finanziaria, la Russia smette di pagare i debiti contratti verso l’estero e va in default.

L’era di Vladimir Putin

  • 1999. Dimissione di Boris Yeltsin. Vladimir Putin viene eletto prima Primo Ministro delle Federazione Russa, poi, il 31 dicembre, Presidente.
  • 2000. Incidente del sottomarino russo Kursk. Nella tragedia 118 marinai russi perdono la vita. La vicenda è tuttora controversa.
  • 2008. Le elezioni portano Dmitry Medvedev al ruolo presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin  diventa primo ministro. Scoppio del conflitto armato con la Georgia a seguito dell’attacco di quest’ultima alle regioni dell’Abcasia e dell’Ossezia del Sud.Vladimir Putin
  • 2012. Putin viene nuovamente eletto presidente della Federazione Russa.
  • 2014. Scoppia la rivolta ucraina di Euroimaidan. L’Ucraina prende una svolta fortemente anti-russa. Nel corso della primavera la regione ucraina della Crimea, attraverso un referendum popolare, decide di divenire indipendente dall’Ucraina e diventare parte del territorio della Federazione Russa
  • 2018. Elezioni presidenziali: Vladimir Putin viene rieletto come presidente della Federazione Russa fino al 2024. La Russia ospita i mondiali di calcio 2018.

 

Ti è piaciuto l’articolo Storia della Russia in 5 minuti: Zar, URSS e Putin?

Continua ad approfondire con Vladimir Putin: chi sarà il suo successore